CASE DI EMERGENZA PER TERREMOTATI IN GIAPPONE

CASE DI EMERGENZA PER TERREMOTATI IN GIAPPONE

In conseguenza al terremoto del 2011 nel Tōhoku e con la devastate serie di tsunami che colpirono la costa I danni ai paesi furono davvero incalcolabile.

Case di emergenza per terremotati

 

Con la stima di oltre 15.000 mila persone defunte e 2500 scomparse in oltre in un anno si sono contate 470.000 mila persone sfollate anche in conseguenza del l’enorme evacuazione nei pressi della centrale nucleare di Fukushima.

 

Nel Tōhoku furono costruite 5843 case provvisorie per aiutare le famiglie che avevano perso tutto. Costruite in tempi record ( pochi giorni ) utilizzando spazzi liberi concessi nelle varie zone colpite.

Finita l’emergenza è man mano le famiglie lasciavano le abitazioni queste venivano smontate è stoccate pronte ad essere riutilizzate per ogni evenienze anche spedite in altre zone del Giappone colpite a loro volta da catastrofi.

Ma ancora si trovano alcune di queste unità abitative, rimaste l’unica soluzione come alloggio per alcuni giapponesi.

Mercato di Natori Miyagi

Queste case sono ideate per essere temporanee, perché i progetti di ricostruzione sono avviati su tutta la costa. Nella mia visita a Onagawa sono rimasto davvero impressionato dalla ricostruzione della cittadina dopo che lo tsunami ne aveva cancellato quasi 80%.

Anche Natori che ha contato più di 1400 vittime con lo tsunami così potente da percorrere 5 km all’interno della costa sta cercando di riprendere le normali attività. Per il governo è importante riconsegnare le case a chi le ha perse è poter garantire un nuovo inizio con progetti per la nascita di nuove attività commerciali. 

Mio Giappone trova sempre il modo di rialzarsi. 

 

 

Avatar

gio

Qui potete trovare il mio diario ,qui è dove vi parlo delle curiosità del Giappone . Qui troverete vari video e info utili divertitevi e condividete .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *